Coaching


Se non puoi essere strada sii sentiero,
se non puoi essere sole, sii una stella,
vincere o perdere non ha a che vedere con la grandezza,
ma bisogna essere al meglio quello che si è.

— D. Malloch

Cosa significa?

Nel linguaggio sportivo la parola coach indica l’allenatore con il duplice ruolo di tecnico ma anche di motivatore capace di infondere ai suoi atleti energia, entusiasmo e carica necessari per affrontare la sfida della gara.
Il termine coach deriva dall’inglese “coche” che corrisponde al moderno “wagon” (carro) o “carriage” (carrozza), quindi allude all’idea di trasporto. Furono poi degli studenti universitari ad attribuire l’appellativo di Coach ai loro tutor migliori, proprio a sottolinearne il ruolo di supporto.

Cos’è?

Il coaching è il processo attraverso il quale si aiutano individui e gruppi di persone a realizzare obiettivi e a dare il meglio per produrre risultati in modo veloce ed efficace, sostenendo le loro scelte e offrendo loro gli strumenti per ricercare in se stessi le risorse necessarie ad attuare precisi e mirati piani d’azione per il raggiungimento del successo.
Il coach è dunque un veicolo di cambiamento e di crescita.
Quindi, viene definito coaching un processo volto ad incrementare la performance di un individuo o di un gruppo di lavoro.
Il Coach ha il compito di trasportare una o più persone da uno stato di partenza alla meta desiderata (la vittoria per gli sportivi, il raggiungimento di obiettivi professionali specifici, ..), attraverso la definizione degli obiettivi e di un piano d’azione.
Il suo obiettivo principale è far emergere le capacità del cliente.

Per cosa e per chi è indicato?

Nel coaching spesso il cliente non coincide con il committente.
In questi casi, è necessario che il coach lavori con il cliente inviato affinchè possa trovare egli stesso la motivazione personale al processo anche se non dovesse coincidere con quelle ufficiali del committente.

  • C’è qualcosa in gioco (una sfida, un obiettivo protratto o una grossa opportunità) ed è urgente, importante o appassionante, o tutte queste cose insieme e non ci si sente adeguato.
  • C’è una lacuna di consapevolezza, di capacità, di fiducia o di risorse.
  • C’è il desiderio di ottenere risultati più rapidamente.
  • C’è bisogno di invertire la direzione presa nel lavoro o nella vita personale a causa di un insuccesso.
  • Il modo di relazionarsi con gli altri(collaboratori, colleghi o capi) non è efficace o non aiuta la persona a raggiungere i suoi obiettivi prioritari.
  • C’è una mancanza di chiarezza nella persona a fronte delle scelte da fare.
  • La persona ha molto successo e questo successo comincia a diventare problematico.
  • Non c’è equilibrio tra il lavoro e la vita privata e questo genera delle conseguenze indesiderate.
  • La persona non ha identificato le sue potenzialità principali né sa come utilizzarle al meglio.
  • C’è il bisogno e il desiderio di organizzarsi e di sapersi gestire meglio.
  • Scoprire, rendere chiari ed allineare gli obiettivi che desidera raggiungere.
  • Guidare il cliente nel far emergere risorse personali e professionali necessarie al conseguimento degli obiettivi.
  • Fare in modo che le soluzioni e le strategie da seguire emergano dal cliente stesso.
  • Lasciare piena autonomia e responsabilità al cliente.

Come si struttura?

7E5E4D5B7A595F-398x292A seconda delle esigenze e dei bisogni individuati con il committente, fondamentalmente attraverso due modalità:

  • Accompagnamento a breve termine attraverso un numero limitato di incontri (da 3 a 5) per il superamento di convinzioni che limitano il potenziale della persona.
  • Accompagnamento a lungo termine per un cambiamento specifico (per esempio: cambiamento di mentalità all’interno di un reparto). Il coach lavora con il responsabile per aiutarlo a gestire il processo di cambiamento, stimolandolo rispetto alla consapevolezza di sé e del gruppo.

Perchè oggi?

Oggi è uno strumento sempre più utilizzato nelle imprese e nelle organizzazioni dove viene sempre più richiesta al collaboratore la massima efficacia per stare al passo e anticipare le esigenze del mercato e la concorrenza sempre più agguerrita.
In queste condizioni di stress e di continua sollecitazione all’eccellenza, l’individuo o i gruppi,a volte, hanno bisogno di sostegno.
Il cliente verrà accompagnato a prendere consapevolezza del proprio potenziale personale e professionale, a superare delle convinzioni limitanti su di sé che lo frenano rispetto alla performance.

Metodologia

Il Coach utilizzerà le ‘pratiche’ che ritiene più adatti al caso, facendo riferimento alla PNL (Programmazione Neuro linguistica), alla Gestalt, al lavoro focalizzato sulla soluzione (De Shazer), all’Art Counselling, alle Costellazioni familiari e sistemiche, alla scrittura creativa e alla messa in scena teatrale.